Ecco chi è forte, ecco chi è perduto

Sei tranquillo, tutto fila liscio. Sei con i tuoi amici, tra risate e pensieri felici. Sei te stesso, l’idea che qualcosa possa andare storto non ti sfiora nemmeno la punta dei capelli. Ma poi eccolo, eccolo che arriva. Arriva come un’ombra, e come un’ombra ti trapassa. È veloce, fugace, ti lascia lì con un pugno vuoto in mano. E così le risate scompaiono alle tue spalle, gli immani spazi che ti circondano vengono avvolti nel silenzio. Un silenzio freddo, assordante, che ti fa sentire piccolo ed insignificante in questo strano posto che assume la tetra forma di un’immensa valle di vane glorie.

Non capisci, sei ancora stordito. Non sai cosa dire, non sai cosa pensare. Non lo sai… avresti dovuto parlare, dire cosa sei veramente. Avresti dovuto lottare, tirare fuori il tuo carattere. Avresti dovuto mostrare il meglio delle tue capacità. Avresti dovuto… ma non l’hai fatto. E non capisci perché. “Come mai non gli ho detto come stanno le cose?  Come mai non ho dato speranza alla mia grinta? Perché non mi sono difeso? Perché?” C’era poco tempo, lui era veloce. Forse un fantasma, forse uno che vive succhiando l’energia degli altri. Ma qualunque cosa fosse, ti ha svelato, arrestando la tua concitata marcia verso il futuro. Ti ha reso nudo in uno strano mondo di castelli.

Si suda e si stringono i denti per perseguire i propri ideali, si da tutto per fare ciò in cui si crede. Perché l’importante è quello: credere. Credere in un ideale, credere in una speranza, credere in un mondo migliore… credere in sé stessi. Tu fatichi e lotti per quello in cui sei convinto, doni ogni tua risorsa per fare ciò che ti suggerisce il cuore. Ma poi ci sono le ombre, sì, proprio loro. E sono quelli che non ti credono, quelli che non ti vogliono capire. Si mettono sul tuo cammino, ti deridono provando a mettere in dubbio il sentiero che faticosamente stai tracciando con il sudore della tua fronte. Lo fanno con la superficialità del vento che soffia tra le nuvole. Ed è brutto. Ti senti giudicato. Spazzato via, come un minuscolo granello di senape in un campo coltivato a zizzania. Sei inutile come una goccia d’acqua, dispersa nell’immensità di un oceano senza nome e senza onde.

Ma non bisogna arrendersi. Mai. Non devi abbassare la testa di fronte a loro. Mai! Mai! Mai! Perché loro non capiscono, non sanno cosa si cela nell’idilliaca valle che stai attraversando. Ignorano di che pasta sei fatto. Forse loro non ce li hanno dei sogni, forse loro non sanno cosa significa avere un obiettivo in cui credere. Forse loro non fanno altro che vivere la giornata, godendosi le reazioni che vengono dopo le loro critiche. E tu non vuoi, non vuoi e non sei come loro! O meglio, come lui… come quei tanti lui che navigano senza meta in quell’infinito oceano senza nome e senza onde in cui vorrebbero inabissarti.

Tanti anni fa, un uomo che ha rivoluzionato il mondo disse che “la bocca esprime ciò che dal cuore sovrabbonda.” Un altro uomo, qualche secolo più avanti, scrisse: “Non ragioniam di loro, ma guarda e passa.” Ed è per questo che passi. Perché se lui è sibillino come il vento, tu devi essere massiccio come una montagna.

Perché chi suda e persevera, è forte. Chi alza il dito e abbandona, è perduto.

Alessandro Frosio

Riferimenti: Vangeli cristiani, La Divina Commedia di Dante Alighieri.

Eccomi qui, eccomi arrivato

Casa. Non c’è niente di meglio al mondo di ciò che ci fa sentire a casa. Viaggiamo, sperimentiamo, ridiamo e piangiamo. Ma poi, alla fine di tutto, torniamo sempre lì. Ma una domanda sorge spontanea all’orizzonte di questo incredibile viaggio: che cos’è veramente una casa?

Casa può essere intesa in mille modi, per esempio come la culla in cui siamo cresciuti. Oppure le mura in cui ci rifugiamo quando fuori sferza la tempesta. Una tempesta assordante, che batte furiosamente sulle tegole, graffia i vetri delle finestre illuminate dalla luce calda del nostro rifugio. Ci isola, proteggendoci dal mondo che ci fa sentire inutili puntini in un mare senza onde. Una casa fisica, ma anche una casa senza muri, per una burrasca silenziosa dove a graffiare sono soltanto i nostri pensieri, che minacciosi si addensano sopra le nostre teste malate di frenesia.

Una casa solitaria, in mezzo al nulla. Dove nessuno ci può trovare, dove siamo al sicuro dal mondo violento che imperversa là fuori. Ma poi c’è anche una casa di persone, una casa calda, con un bel fuoco che arde nel camino. Una casa di sorrisi e dolcezza dove la serenità regna padrona e in cui tutto è avvolto dal tenero abbraccio di un familiare aroma che viene dalla cucina. Una casa può essere sola ma sicura, ma anche accogliente e intrisa d’amore fino all’ultimo mattone.

Una casa. Solo una casa. C’è chi non ce l’ha, una casa. Chi non l’ha mai avuta. Chi l’ha persa. Chi l’ha vista cadere su sé stessa con i propri occhi impotenti. C’è chi viaggia, la cerca, prova a costruirsene un’altra lasciandosi il passato alle spalle. C’è chi scappa, chi fugge, chi viene cacciato perché non è più amato. C’è chi l’ha tradita, la propria casa.

Casa. Dopo un lungo peregrinare c’è sempre lei ad aspettarci. Una casa di mattoni, una casa di persone, una casa calda come il fuoco che scoppietta nel camino in una fredda e buia notte d’autunno. La casa che ha il suo odore, inconfondibile, che quando lo annusiamo ci fa capire che siamo arrivati. Profumo di capelli, calore della pelle, voci melodiose, parole, promesse, sentimenti mai espressi… già, perché ogni cosa può essere casa. Può anche essere qui, dentro di noi, al nostro fianco. Una persona cara, un’amicizia, un familiare, una vecchia fiamma, una persona a cui abbiamo affidato la nostra fiducia. È la spalla su cui piangiamo, gli occhi con cui ridiamo. Un libro. Una canzone. Un ricordo, magari di tempi e compagnie che non torneranno più.

Ecco che cos’è una casa. Ed eccomi, eccomi arrivato. Questa è la mia, questo è il luogo in cui mi sento arrivato. Casa, semplicemente una casa. Solo una casa. Una casa di mattoni, una casa di persone, una casa di pensieri, di promesse, di parole e di sogni ancora tutti da realizzare.

Alessandro Frosio